In Francia spopola Ten Ten, app “walkie-talkie”. Ma è davvero sicura?

Ten Ten, l’app walkie-talkie che spopola fra adolescenti in Francia, ma il ministero dell’Interno francese mette in guardia le famiglie

Si scarica anche in Italia, ma è in Francia che sta andando veramente per la maggiore: stiamo parlando dell’app Ten Ten, l’app che permette di trasformare il proprio smartphone in una radio non per ascoltare la musica, ma per parlare con gli altri utenti attraverso l’altoparlante del telefono ricevente, in qualsiasi momento, come se i due cellulari fossero i vecchi walkie-talkie degli anni ’80 e ’90.

Nelle ultime settimane, molti ragazzi hanno condiviso su TikTok video che mostrano il funzionamento di questa app, attualmente disponibile solo per iOS da circa un anno, come si può vedere dalla cronologia delle versioni rilasciate per i possessori di iPhone, ma è solo negli ultimi mesi che ha guadagnato popolarità. Attualmente è al primo posto nella categoria social network di App Store, con una valutazione di 4,4 stelle su 5.

In Francia spopola l’applicazione Ten Ten, ma è sicura?

Semplice e intuitiva, una volta installata Ten Ten richiede pochi passaggi per essere operativa: basterà inserire il proprio nome, una foto e il numero di telefono. Da qui l’applicazione riconoscerà automaticamente i contatti nella rubrica che hanno già installato Ten Ten, permettendo di inviare loro messaggi in modo simile ai vecchi walkie talkiema tramite telefono.

In Francia spopola l'applicazione Ten Ten, ma è sicura?
In Francia spopola l’applicazione Ten Ten, ma è sicura? https://apps.apple.com/it/app/ten-ten-close-friends-only/id1481768339 – Vcode.it

 

Il walkie talkie è una ricetrasmittente portatile che consente di comunicare rapidamente attraverso onde radio con altri dispositivi simili, permettendo a chi riceve il messaggio di ascoltarlo in diretta.

Questo può sicuramente risultare imbarazzante, poiché il messaggio viene trasmesso immediatamente e amplificato dallo smartphone, senza notifiche o pulsanti di riproduzione come nelle altre app di messaggistica.

Che si canti, si gridi o si parli a voce bassa, i destinatari dei messaggi su Ten Ten li riceveranno istantaneamente, anche se hanno lo schermo bloccato.

In questi giorni su TikTok, molti utenti si divertono a caricare video degli scherzi fatti agli amici grazie a Ten Ten: infatti, chi ha installato l’app da poco spesso non si aspetta che una voce possa improvvisamente uscire dal proprio smartphone.

Se ci si dimentica di abbassare il volume prima di posare il telefono, lo spavento è garantito, anche se c’è un modo per evitare di ricevere auto indesiderati nei momenti meno opportuni attraverso alcuni trucchi: il primo è mantenere il telefono in modalità silenziosa, in questo modo il volume della voce di chi invia un Ten Ten sarà talmente basso da non poter essere udito.

Inoltre è possibile fare log out dall’applicazione andando nella sezione Danger zone nel menù delle importazioni e cliccare sopra la dicitura; in questo modo si potranno evitare spiacevoli sorprese.

In Francia però questa applicazione sta destando preoccupazione nelle famiglie, nei professori e anche nel Governo per la grande diffusione sugli apparecchi iOS: per il ministero dell’Interno, questa attività “aumenta il rischio di molestie online e di violazione della privacy” e secondo la stampa francese alcune famiglie avrebbero già denunciato il problema.

I telefoni infatti si mettono a squillare in qualsiasi momento, di giorno o di notte, anche se l’app è spenta e sembra non esserci modo di bloccarli se non spegnendo il cellulare o scegliendo la modalità Non disturbare.

Sempre dal ministero dell’Interno hanno sottolineato che “l’applicazione rileva automaticamente l’indirizzo IP, la localizzazione e altre informazioni sensibili”, dunque è probabile un intervento delle autorità per correggere questi comportamenti.

Va detto che, come sempre, il modo migliore per evitare problemi è darsi da fare nel mondo reale: dopo il download, a ogni utente viene assegnato un codice di identificazione, ed è con quello che gli utenti entrano in contatto l’uno con l’altro, scambiandoseli e poi aggiungendosi nell’app.

Impostazioni privacy