‘Willy Wonka’, sapete perché è stato scelto Timothée Chalamet? Il motivo è sorprendente

Il regista rivela il motivo sorprendente dietro la decisione. Incassi eccellenti al cinema 

Nel mondo del cinema le scelte dei registi per il casting dei protagonisti possono spesso sorprendere il pubblico. E questa volta non fa eccezione: il regista di “Willy Wonka”, Paul King, ha svelato il motivo dietro la sua scelta di Timothée Chalamet come interprete del giovane Willy Wonka nel tanto atteso prequel.

Molto prima di conquistare Hollywood, Chalamet aveva già lasciato il segno su YouTube, collezionando migliaia di visualizzazioni grazie ai suoi video rap pubblicati sul suo canale social e risalenti alla sua adolescenza. Ed è proprio grazie a questi contenuti che il regista si è reso conto di avere tra le mani il nome perfetto per il ruolo di protagonista.

Secondo quanto raccontato da King, l’attore non ha neppure dovuto sottoporsi a un’audizione per ottenere il ruolo, poiché il suo talento era già evidente. Il regista ha ammesso di essere rimasto colpito dalle esibizioni musicali di Chalamet, ancora disponibili su YouTube. Questi video gli hanno fatto capire che l’attore aveva una grande abilità nel canto e nella danza, requisiti fondamentali per interpretare il giovane Willy.

“È stata un’offerta diretta perché è fantastico ed era l’unica persona nella mia mente che potesse farlo. È Timothée Chalamet… e la sua vita è così assurda, le sue esibizioni musicali al liceo sono su YouTube e hanno centinaia di migliaia di visualizzazioni. Così ho capito da quella sua performance che sapeva ballare e cantare molto bene. Sapevo che avesse del talento, ma non che fosse così bravo, ha spiegato il regista.
Chalamet ha così commentato: “Lo so, diamine… i video sono stati utili. Però non sono stati la sola cosa a farmi ottenere la parte. So che ha apprezzato gli altri film che ho fatto!“.

Timothée Chalamet in Willy Wonka
Timothée Chalamet in Willy Wonka – trailer – vcode.it

Paul King, già noto per il suo lavoro alla regia di “Paddington”, ha precisato che il film è un’opera complementare al classico “Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato” del 1971 con Gene Wilder nel ruolo di Wonka.

Willy Wonka, l’uscita al cinema

“Willy Wonka”, distribuito dalla Warner Bros Discovery e interpretato da Timothée Chalamet nel ruolo del famoso cioccolataio, ha preso il comando del box office, dopo il lungo regno di “C’è ancora domani“, pellicola di Paola Cortellesi che ha mantenuto la vetta della classifica per sette settimane consecutive.

‘C’è ancora domani’ è inarrestabile: il film della Cortellesi batte anche ‘Barbie’

Dopo essere stato rilasciato nelle sale cinematografiche il 14 dicembre, “Willy Wonka” ha incassato un impressionante totale di 3.116.832 euro in soli quattro giorni, con una media di 6.148 euro a proiezione. Un esordio promettente per un film a target family allargato che si preannuncia come uno dei protagonisti delle festività natalizie.

I risultati ottenuti confermano anche il trend mondiale: nel suo primo weekend di uscita, “Willy Wonka” ha raggiunto un incasso di 150 milioni di dollari a livello globale, suscitando grande curiosità riguardo al suo potenziale raggiungimento.

In sala, dietro “Wonka” troviamo la coppia di comici Ficarra e Picone con la nuova commedia “Santocielo”: 1.298.766 euro, con una media di 2.493 euro, e al terzo posto “Ferrari” di Michael Mann. Il biopic con Adam Driver nei panni di Enzo Ferrari ha raccolto 823.776 euro, per una media di 2.140 euro.

Impostazioni privacy