Addio a Enzo Moscato, quali sono state le sue opere più memorabili?

Le opere indimenticabili di Enzo Moscato, il grande talento teatrale scomparso, ecco il lascito del celebre autore e drammaturgo

La scomparsa di Enzo Moscato ha lasciato un vuoto nella scena teatrale italiana. L’autore, regista e attore campano si è distinto per la sua prosa poetica, il sarcasmo tagliente e la capacità di esplorare tematiche complesse attraverso personaggi dai tratti spesso surreali. In questo articolo ci soffermeremo sulle sue opere più memorabili, omaggiando così la sua eredità artistica e contribuendo a tenerne viva la memoria.

Addio a Enzo Moscato

Enzo Moscato è nato a Napoli ed ha trascorso l’infanzia in un periodo in cui il modo di vivere italiano era ancora intatto, ricevendo una marcata impronta culturale napoletana nel palazzo di un quartiere spagnolo in cui vivevano molte famiglie.

Moscato ricorda un’infanzia di povertà con sette fratelli, un padre frequentemente senza lavoro e una madre che lavorava incessantemente. Il suo background ha avuto un’influenza profonda sulla sua visione artistica. Così affermava Moscato: “Tutto quello che ho imparato sulla cultura napoletana, l’ho appreso nei dieci anni trascorsi nei quartieri”.

Nonostante la precarietà apparente della sua vita ai Quartieri Spagnoli di Napoli, Moscato ha vissuto come un primo incanto che si spezza il trasloco della sua famiglia nel quartiere più contemporaneo di Fuorigrotta. Questo rappresentava non solo un distacco dai luoghi dell’infanzia, ma significava soprattutto l’inizio della sua formazione accademica che lo porterà a conseguire una laurea sia in filosofia che in psicologia.

Le due diverse esperienze di vita e cultura di Moscato hanno contribuito in egual modo a formare la sua complessa poesia. Come lui stesso ricorda, non ha voluto scindere il teatro dalla sua formazione ed i suoi interessi, al punto di farne degli spettacoli per alleviare la pesantezza culturale.

In seguito, ha trascorso i primi anni del suo insegnamento in un liceo di Napoli, dedicandosi al teatro durante le ore serali.

Enzo Moscato
Foto | Francesco Scaglione @commons.wikimedia.org – vcode.it

La carriera teatrale di Moscato inizia nell’ultimo decennio degli anni settanta con i suoi primi progetti:

  • Carcioffolà Scannasurice
  • e Trianon.

Nel 1985 ottiene il suo primo premio di notevole importanza, il Premio Riccione/Ater per Pièce Noire. Da qui si sviluppa un lungo e premiato percorso nell’arte teatrale che include drammi, commedie, monologhi, atti unici lirici, rapsodie e fragmenti.

Le sue opere hanno consolidato la sua reputazione come uno dei principali esponenti del teatro napoletano. Malgrado ciò, Moscato ha dovuto affrontare personalmente un periodo difficile caratterizzato da depressione e paranoia, al quale ha reagito aiutandosi con la psicoterapia Junghiana. Durante questo tempo, ha esaminato la sua posizione come uomo di teatro, proponendo nuove possibilità per il futuro.

“… Potrebbe essere un passaggio per me, ma non immagino di concludere la mia vita come drammaturgo, perché credo che ci siano questioni molto più rilevanti del teatro… basta aprire un giornale per vedere le stragi che accadono, eventi che mi toccano personalmente e mi inducono a pensare che è su queste cose che l’attenzione dovrebbe essere concentrata….”

Tra i suoi lavori più recenti si annoverano:

  • Seminario sui bambini in sogno (2002), dedicato alla memoria collettiva dell’Olocausto,
  • Hotel de l’Univers (2003), rècit-chantant dedicato alla musica cinematografica
  • e L’Opera Segreta, lode all’universo poetico-espressivo di Anna Maria Ortese.

L’artista pluridisciplinare di Napoli ha investito il suo tempo e talento non solo nell’arte, ma anche nella musica, avendo scritto e interpretato canzoni come:

  • Embargos,
  • Cantà,
  • Hotel de l’Univers,
  • Toledo suite
  • e come ospite solista in Fore Paese di Maria Pia De Vito.

Enzo Moscato, il teatro piange la sua scomparsa: ecco le opere che lo hanno reso immortale

Enzo Moscato è stato un poliedrico talento dell’arte con abilità in diversi campi tra cui recitazione, scrittura, regia, canto e studio. Un elemento dominante nel suo teatro è stata l’analisi accurata della lingua. Un altro aspetto distintivo sta nella presenza costante della musica nel suo lavoro, che talvolta diventa protagonista, contribuendo alla creazione di vari album ispirati alle musiche di scena. Nei suoi capolavori come Embargo, Canta, Hotel De l’Univers, Toledo suite, Moscato si è esibito nel ruolo di chansonnier, dando una nuova interpretazione alla tradizione musicale napoletana.

Oltre ai teatri e alle pagine dei suoi libri, Moscato ha mostrato la sua versatilità anche sul grande schermo, sempre in qualità di attore. Un esempio notevole è la sua partecipazione nel film premiato “Morte di un matematico napoletano” (1992), la prima opera del regista Mario Martone, insieme a diverse figure prominenti dell’arte contemporanea come Anna Bonaiuto, Licia Maglietta, Toni Servillo, Antonio Neiwiller.

Moscato ha partecipato attivamente anche nel mondo editoriale, producendo numerose e importanti opere che spaziano dai testi drammaturgici:

  • L’angelico bestiario, 1991;
  • Quadrilogia di Santarcangelo, 1999;
  • Orfani veleni, 2007

ad antologie, poesie, narrazioni, contributi teorici e pubblicazioni in riviste specializzate. Ha anche effettuato diverse traduzioni teatrali, tra cui notevoli opere come Arancia Meccanica, Ubu Re, Tartufo.

Negli ultimi anni, Moscato aveva assunto il ruolo di co-direttore del Teatro Mercadante – Stabile di Napoli, ha condotto workshop sulla scrittura drammaturgica presso l’Università degli Studi di Salerno e l’Università degli Studi “Suor Orsola Benincasa” di Napoli. Inoltre, ha guidato come direttore artistico vari progetti e iniziative teatrali, tra cui il Festival “Benevento Città Spettacolo”.

La cronologia delle opere teatrali di Enzo Moscato

1982

  • Carcioffolà
  • Scannasurice
  • Signurì, signurì

1983

  • Trianon
  • Pièce noire

1984

  • Festa al celeste e nubile santuario

1985

  • Ragazze sole con qualche esperienza

1986

  • Occhi gettati

1987

  • Bordello di mare con città

1988

  • Partitura
  • Festa al celeste e nubile santuario (rimessa in scena)

1989

  • Tiempe sciupate
  • Scanna-play-surice

1990

  • Fuga per comiche lingue, tragiche a caso

1991

  • Rasoi

1993

  • La psychose paranoiaque parmi les artistes

1994

  • Mal-d’-Hamlé
  • Embargos
  • Ritornanti

1995

  • Recidiva
  • Co’stell’azioni

1996

  • La vita vissuta d’Artaud l’imbecille
  • Lingua, carne, soffio

1997

  • Aquarium ardent
  • Luparella
  • Teatri del mare

1999

  • Trianon (rimessa in scena)
  • Cantà

2000

  • Arena Olimpia
  • Sull’ordine e il disordine dell’ex macello pubblico

2001

  • Lingua, carne, soffio (rimessa in scena)

2002

  • Co’Stell’Azioni (rimessa in scena)
  • Ritornanti (rimessa in scena)
  • Compleanno (rimessa in scena)
  • Orfani veleni
  • Luparella (rimessa in scena)

2003

  • Kinder-Traum Seminar
  • Hotel de l’Univers

2004

  • Oro tinto
  • Partitura per Leo
  • Trompe l’Oeil
  • L’opera segreta. Omaggio all’universo di Anna Maria Ortese

2005

  • Passioni-voci

2006

  • Niezi (Ragazzi di Cristallo)

2007

  • Sangue e Bellezza. L’ultimo tempo in voce di Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio
  • Il Sogno di Giruzziello. Gita semiseria, in memoria di un Amico, al paese, misterioso, ‘e Chi t’ha ‘ntiso
  • Le Doglianze degli Attori a Maschera (Libero omaggio a Carlo Goldoni)

2009

  • La magnificenza del terrore

2010

  • Piece noire

2011

  • Toledo suite

2012

  • Tà-Kài-Tà (Eduardo per Eduardo)

2013

  • Napoli ’43

2014

  • Patria puttana
  • Istruzioni per minuta servitù (Il Mondo come in-volontà e ir-rappresentazione)
Impostazioni privacy