Chi era Wolfgang Schäuble, ex ministro delle Finanze tedesco

È morto uno dei più importanti collaboratori di Angela Merkel, Wolfgang Schäuble, ex ministro delle Finanze della Germania.

Wolfgang Schäuble è stato uno dei politici più importanti della Germania a non essere mai stato Cancelliere. Ministro dell’Interno durante la riunificazione, ministro delle finanze durante la crisi del debito greco, subì anche un attentato che lo lasciò in sedia a rotelle. È morto all’età di 81 anni nella serata di martedì 26 dicembre 2023.

La carriera politica di Wolfgang Schäuble, fino all’arrivo di Angela Merkel

Wolfgang Schäuble è entrato in politica nel 1972 e ci è rimasto fino al 26 dicembre 2023, giorno della sua morte. Uomo simbolo del CDU, il principale partito di centrodestra tedesco, è stato tra i politici più influenti della sua generazione. Spesso si è trovato al centro dei momenti più importanti della storia tedesca e europea, a prendere decisioni che avrebbero cambiato il mondo.

Nel 1990, quando il muro di Berlino è crollato da pochissimo, è ministro dell’interno. Si ritrova quindi a dover gestire una delle fasi più delicate della storia recente della Germania, la riunificazione. Repubblica Federale Tedesca e Repubblica Democratica Tedesca tornano a essere un solo Stato, membro della Comunità Europea che sta lentamente diventando sempre di più una confederazione politica. Sullo sfondo c’è la fine della guerra fredda e il crollo dell’Unione Sovietica, che apre a un mondo non più dominato dalla tensione tra le due grandi potenze.

porta di brandeburgo, monumento in germania
Unsplash @ Marius Serban | vcode.it

Quello stesso anno la vita di Wolfgang Schäuble viene sconvolta da un attentato. Un uomo gli spara tre proiettili, ferendolo al viso e alla colonna vertebrale. Da quel momento non riuscirà più a camminare e si muoverà soltanto in sedia a rotelle.

Otto anni dopo è il politico più in vista di tutto il CDU. È lui il candidato alle elezioni del 1998, pronto finalmente a diventare cancelliere. Il suo partito però perde quelle elezioni contro i Social Democratici di Schröder. Da lì continua a ricoprire ruoli importanti, da presidente del CDU a ministro dell’interno, ma il suo ultimo momento cruciale lo vive servendo nel governo della più importante cancelliera della storia recente della Germania: Angela Merkel.

L’inflessibile ministro delle Finanze

Quando nel 2009 il partito Socialdemocratico tedesco crolla alle elezioni federali, alla guida del CDU c’è quella che sarà la prima cancelliera donna del Paese, Angela Merkel. La nuova leader del governo decide di consegnare proprio a Wolfgang Schäuble il ministero delle finanze in un momento in cui sta per scatenarsi una tempesta finanziaria su tutta Europa.

L’anno prima Wall Street, la Borsa americana, è crollata per la crisi dei mutui sub prime, e il contagio sta arrivando in Europa. In pochi anni il sistema bancario del vecchio continente inizierà a scricchiolare e la neonata moneta unica, in vigore da soli 8 anni, vacilla quando si scopre che la Grecia ha falsato i propri bilanci e sta rischiando di fallire.

Simbolo dell'euro
Unsplash @ Mika Baumeister | vcode.it

La Germania, in quanto prima economia d’Europa, è molto coinvolta nelle trattative per salvare Atene. Schäuble è durissimo, vuole che la Grecia esca dall’Euro. Per il presidente della BCE Mario Draghi però questo potrebbe significare un fallimento della moneta unica, che va salvata “ad ogni costo”. Nonostante questo il ministro rimane tra i più inflessibili nell’imporre alla Grecia una lunga austerità che faccia rientrare la propria crisi di debito.

Impostazioni privacy