Early night: la Gen Z si corica presto e dorme a lungo

Ma chi l’ha detto che i giovani pensano solo a scrollare, bere e fare tardi la sera? Ecco il fenomeno dell’early night

Soprattutto per la Gen Z, la tradizione di stare alzati fino a tardi sembra essere soltanto un ricordo: infatti i giovani stanno adottando con entusiasmo l’idea di andare a dormire presto e dormire a lungo.

Sui social media come TikTok spopolano hashtag come #earlynight, evidenziando un cambiamento significativo nella mentalità rispetto alle generazioni precedenti: infatti mentre è noto che i Millenial prolunghino le loro serate fino alle prime ore del mattino, i Gen Z scelgono di dare la priorità a una buona dormita per garantire salute e benessere ottimali.

Il fenomeno dell’early night

Non si tratta solo di andare a letto presto, ma di dormire la giusta quantità, spesso puntando a un totale di 9 ore. Questa tendenza riflette una crescente attenzione alla salute mentale e al benessere fisico, valori che la Gen Z considera essenziali per una vita equilibrata.

Early night: il fenomeno sta spopolando sui social media
Early night: il fenomeno sta spopolando sui social media – Vcode.it

 

Secondo recenti studi citati dal New York Post, i ventenni nel 2022 hanno dormito in media 9 ore e 28 minuti a notte, segnando un aumento significativo rispetto al passato. Questo cambiamento di abitudini riflette una crescente consapevolezza dei benefici del sonno sia per il corpo che per la mente.

Parallelamente alla scelta di andare a letto presto c’è una tendenza crescente alla riduzione del consumo di alcol tra i membri della Gen Z. Ciò dimostra un approccio più responsabile alla loro salute e al loro benessere, rinunciando a comportamenti dannosi a favore di uno stile di vita più equilibrato.

Ciò suggerisce che l’hashtag #earlynight non è solo una tendenza passeggera ma riflette un significativo cambiamento culturale all’interno della Generazione Z, che dà priorità al sonno e al benessere rispetto a una vita sociale frenetica e intensa.

Gli adulti di età compresa tra 18 e 34 anni andavano a letto alle 22:06. in media nel mese di gennaio, rispetto alle 22:18. nel gennaio 2023, ha riferito il Wall Street Journal, secondo un’analisi di oltre 2 milioni di clienti totali di letti intelligenti Sleep Number.

“All’improvviso, è molto più fresco e molto più accettato dormire presto, e tutti si sono appena adattati”, ha detto al WSJ Emma Kraft, una studentessa diciannovenne dell’Università della California, Berkeley. “Per me, dopo le 21 non succede niente di buono.”

Lo studente universitario mira ad addormentarsi entro le 21:30. ogni notte per avere almeno nove ore di sonno – e non è l’unica a sonnecchiare tutta la notte.

Nel 2022, gli adulti sui vent’anni hanno dormito in media nove ore e 28 minuti – un aumento dell’8% rispetto al 2010 – secondo un’analisi dei dati dell’American Time Use Survey di RentCafe.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie raccomandano agli adulti di rimboccarsi le coperte per almeno sette ore a notte, ma molti americani stanno scoprendo di aver bisogno di qualcosa di più per funzionare pienamente.

“Ho sempre pensato che questo mi facesse sembrare pigro e ho cercato di combatterlo”, ha detto Kelly Baskin, 32 anni, al WSJ. Ma dopo aver visto sui social media sempre più coetanei dare priorità al sonno, Baskin ha ceduto e ora cerca di dormire circa otto o nove ore per notte.

La mancanza di sonno profondo può avere effetti dannosi sulla salute fisica e mentale. Tuttavia gli esperti avvertono che alcune persone prendono il sonno un po’ troppo sul serio.

John Winkelman, capo del programma di ricerca clinica sui disturbi del sonno presso il Massachusetts General Hospital di Boston, ha dichiarato al WSJ: “Le persone stanno diventando un po’ nevrotiche a riguardo”.

Promuove i benefici di dormire dalle sette alle nove ore per notte e di andare a dormire regolarmente, ma non crede che tutti debbano rimboccarsi le coperte così presto a meno che non abbiano bisogno di alzarsi presto.

L’early night può avere molti effetti benefici sulla salute mentale e fisica: in primis, andare a dormire presto migliora le prestazioni, perché il sonno è cruciale per la regolazione dell’ormone del sonno, la melatonina, e per il consolidamento delle informazioni apprese durante il giorno. Inoltre, andare a dormire presto e dormire bene è importante per mantenere il ciclo circadiano in sintonia con il ritmo naturale e favorisce un migliore equilibrio ormonale e una migliore regolazione emotiva.

Di contro, la mancanza di sonno o il sonno irregolare può avere effetti negativi sulla salute mentale, come irritabilità, nervosismo, difficoltà nel gestire lo stress, e influenza negativa sull’umore, portando a episodi di tristezza, ansia e irritabilità.

Chiedere a chi opta per lo sleep divorce per credere! Alcune coppie, infatti, decidono di dormire in stanze diverse proprio per evitare interruzioni o disturbi del sonno. Solo un quarto di chi prova lo sleep divorce ci ripensa, segno che la consapevolezza su quanto sia importante dormire bene si sta sviluppando non solo tra i giovanissimi.

Impostazioni privacy